giovedì 19 maggio 2016

ACCORDI INTERNAZIONALI

Accordi internazionali: l’On. FitzGerald Nissoli interviene nell’Aula di Montecitorio per dichiarazioni di voto favorevole sulla ratifica dell’Accordo fiscale Italia-Panama ed altri  importanti accordi internazionali.

(Roma, 17 maggio 2016) - Oggi, in data 17 Maggio 2016, l’On. FitzGerald Nissoli, nell’Aula di Montecitorio, è intervenuta per dichiarazioni di voto favorevoli del suo Gruppo parlamentare su alcune importanti ratifiche di accordi internazionali.
Nello specifico sono state approvate, dalla Camera dei Deputati, le ratifiche concernenti:
l'Accordo di cooperazione tra il Governo della Repubblica italiana e il Regno hascemita di Giordania in materia di lotta alla criminalità; l'Accordo quadro di partenariato e cooperazione tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Mongolia, dall'altra; l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica di Armenia sulla cooperazione e sulla mutua assistenza in materia doganale e, di particolare rilevanza, la Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica di Panama per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali.

In particolare, l’On. Nissoli, per quanto concerne la Convenzione fiscale tra Italia e Panama ha sottolineato “il problema dell’evasione fiscale riveste, come è emerso anche di recente nella vicenda dei cosiddetti Panama Papers, un carattere di particolare gravità per la sua illegalità oltre che per il disvalore sociale e per la stigmatizzazione anche sul piano etico che lo contraddistinguono. Mai come in questi tempi - ha fatto notare la deputata - si è avvertito con urgenza la necessità di una fattiva collaborazione tra i Governi dei Paesi interessati al fenomeno dell’evasione fiscale nell’operare un sistematico ed organizzato scambio di informazioni di natura fiscale, e nel promuovere la trasparenza dei rispettivi ordinamenti giuridici”. Pertanto, l’on. Nissoli, annunciando il voto favorevole alla ratifica,  ha evidenziato l’importanza dell’Accordo perché vi è “la previsione di uno scambio di informazioni molto ampio, che riguarda anche le informazioni detenute da una banca o da un’istituzione finanziaria, in linea con gli orientamenti internazionali che prevedono sostanzialmente la fine del segreto bancario”.

Nessun commento:

Posta un commento