martedì 6 dicembre 2016

Alla Camera celebrati i 30 anni dell’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri

(Roma, 2 dicembre 2016)  -  “La cooperazione internazionale in un mondo del cambia”: è questo il titolo del seminario organizzato, ieri, dall’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri (ICPE) in occasione del 30° anniversario della fondazione, avvenuta a Bari nel 1986.
 

All’incontro moderato dal Segretario Generale dell’ICPE, Gianni Lattanzio, sono intervenuti la Presidente della Commissione Cultura del Parlamento europeo, Silvia Costa, con un saluto, la senatrice Valeria Cardinali, vicepresidente Icpe, l’On. Fucsia Nissoli FitzGerald, della Commissione esteri, l’Ambasciatore Pietro Sebastiani, Direttore Generale della Cooperazione allo sviluppo al Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, il dott. Emilio Ciarlo, Responsabile relazioni istituzionali dell’Agenzia italiana per la cooperazione, il Presidente dell’ICPE, Giuseppe Pace, l’avv. Gianlucio Smaldone, Consigliere del Comune di Bari, in rappresentanza del Sindaco, il Segretario generale emerito dell’Istituto, Prof. Antonio Lerario,  l’ing. Nicola Fantini del CNR e, per le conclusioni,  il Presidente del Comitato Sistema Paese della Camera, On. Fabio Porta, che è anche vice Presidente dell’ICPE.
Nello specifico, l’on. Silvia Costa dopo aver sottolineato l’importanza della formazione per assicurare lo sviluppo umano ha ricordato che l’impegno “verso la solidarietà internazionale ….. non otterrebbe i risultati sperati senza il contributo delle organizzazioni della società civile”, facendo, quindi, “con questa convinzione” gli auguri  “per i trenta anni di attività all’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri”. Invece nell’introduzione al Seminario, la sen. Cardinali, dopo aver fatto un quadro generale della cooperazione italiana ed  evidenziato il ruolo delle regioni, ha ricordato che “la cooperazione italiana ha una storia che parte da lontano, una storia che si lega in gran parte all’esperienza dell’Istituto per la Cooperazione con i Paesi Esteri, che oggi compie 30 anni di attività”.
L’on. Nissoli ha sottolineato come la cooperazione italiana debba “unire i popoli per condividere e costruire il bene comune” affermando che “essa e' fondamentale per la sostenibilità dello sviluppo del pianeta e, promuovendo l'incontro ed il dialogo tra i popoli, e' la premessa fondamentale per la pacifica convivenza”; e quindi ha ringraziato “tutti coloro che sono impegnati in questo settore ed in particolar modo il Presidente Pace e l'ICPE che oggi compie 30 anni”.
L’ambasciatore Pietro Sebastiani ha sottolineato l’importanza della cultura della cooperazione, che si sta diffondendo sempre di più, ed il contributo derivante dalla società civile per promuoverla e dell’ICPE in special modo.
Il dott. Ciarlo ha illustrato gli obiettivi della neonata Agenzia ed il suo ruolo innovativo nello scenario della cooperazione internazionale.
Il Presidente Pace, nella seconda sessione del Seminario, ha rievocato gli episodi significativi che hanno caratterizzati i 30 anni di storia dell’Istituto sottolineando che esso è nato da una esigenza culturale, quale luogo di incontro di persone attente agli aspetti internazionali, e tracciandone le prospettive che dalla Puglia si allargano, oggi, a tutto il territorio nazionale.
Il consigliere Smaldone ha portato i saluti del Sindaco di Bari, mentre il prof. Lerario ha evidenziato l’impegno dell’Istituto per la formazione culturale dei nuovi italiani e l’integrazione in un contesto multietnico.
Infine, l’ing. Fantini ha illustrato le opportunità che vi sono nel promuovere l’innovazione dando disponibilità all’Istituto per attivare collaborazioni nella prospettiva dello sviluppo sostenibile e dell’innovazione in Italia ed all’estero.
Infine, il Presidente del “Comitato parlamentare per gli italiani all’estero e Promozione del Sistema Paese” della Camera, On. Fabio Porta,  ha concluso l’incontro facendo una sintesi prospettica degli interventi e consegnando al Presidente Pace una medaglia celebrativa della Camera dei Deputati.

Nessun commento:

Posta un commento