mercoledì 28 giugno 2017

Le ville di Melzi d'Eril e Borromeo Visconti Litta premiate come parchi più belli d'Italia

Il Giardino di Villa Melzi d'Eril affacciato sul Lago di Como, sapientemente curato e gestito dalla proprietà della famiglia Gallarati Scotti, e Villa Borromeo Visconti Litta, un vero polo culturale e botanico riportato agli antichi splendori dal Comune di Lainate, vincono il premio: "Il parco più bello d'Italia", il concorso nato negli anni '90 su iniziativa dell'architetto Leandro Mastria. Villa Visconti Borromeo Litta, a Lainate è una delle più suggestive residenze in Lombardia, con un giardino tardo cinquecentesco, aggiornato nel Settecento, e il suo articolato ninfeo, riccamente decorato con mosaici, stucchi, pitture e giochi d’acqua, dove erano esposte le pregiate collezioni del proprietario, il conte
Pirro I: un capolavoro unico nel suo genere. Dal 1971 la villa è proprietà del Comune di Lainate che ha promosso diversi interventi di restauro, tra cui la riqualificazione delle ottocentesche serre delle orchidee, appena inaugurate. La villa è un riuscito esempio di gestione e valorizzazione di un bene pubblico, con il positivo coinvolgimento di volontari. Sempre in Lombardia, affacciata sul lago di Como, a Bellagio, è la Villa Melzi d’Erilcon il suo incantevole giardino paesaggistico degli inizi dell’Ottocento, a cui lavorarono l’architetto Luigi Canonica e l’agronomo Luigi Villoresi. Con la sua vegetazione di piante secolari ed esotiche e una suggestiva atmosfera romantica servì d’ispirazione a molti personaggi illustri, dallo scrittore Stendhal al musicista Lizst. Uno sfumato sentimento romantico emana dai gruppi di rododendri giganti e di azalee sparsi sui prati e lungo i pendii verso l’idilliaco laghetto orientale attorniato da aceri giapponesi che, per pregio e varietà, costituiscono un unicum nella zona del lago di Como.


BIANCA STANCO

Nessun commento:

Posta un commento